Cosa ti spalmi sulla pelle?

    Sostanze chimiche dannose presenti nei cosmetici

 

      Nei  cosmetici e nei prodotti per l’igiene personale sono presenti molte sostanze chimiche dannose, sospette cancerogene e/o allergizzanti.
     Per proteggerci impariamo a riconoscerle in etichetta, che per legge deve riportare in ordine decrescente la lista degli ingredienti secondo l’INCI              (nomenclatura internazionale degli     ingredienti    cosmetici).

    Il nome ed il significato di tali ingredienti sono però capiti solo dagli addetti ai lavori, per cui ecco un  elenco di sostanze da cui è meglio tenersi alla larga:

 
 CONSERVANTI

   Composti organici alogeni: possono sviluppare allergie e alcuni sono sospetti cancerogeni.

     Si riconoscono dai termini “bromo”, “chloro”e “iodio” (ad esempio: Methylchloroisothiazolinone)

    Formaldeide: dalla Commissione europea è classificata CMR, ovvero con possibile effetto cancerogeno, mutageno o tossico  per la riproduzione umana,; può inoltre sviluppare allergie. Essa è contenuta in diversi composti, ad esempio: Imidozolidinyl urea, Sodium Hydroxymrthyl Glycinate, DMDM hydantoin, 2-Bromo-2 Nitropropane-1, 3-Diol,  Bronopol, Bronidox, Diazolidinyl–urea, 5-Bromo-5Nitro-1, 3-Dioxane.

    Paraben: Sono tutti sospettati di essere allergizzanti e cancerogeni: Methil paraben; Ethil paraben; Buthil paraben; Propyl paraben

    EMULSIONANTI

   Peg  (poli-etilene –glicol): possono essere di origine naturale o sintetica. Se presenti in  piccole quantità non sono particolarmente dannosi,    ma   lo diventano se accompagnati da  altri prodotti nocivi. Possono essere irritanti, rendono l’epidermide più permeabile e  quindi  fanno  penetrare di   più anche i prodotti nocivi. Sono riconoscibili dalle lettere  Peg   o eth. Es: Ceteareth -33; Peg 11 castori oil ; Peg 150 Distearate;  Peg7 ; Peg 40;   Peg200.

    

   TENSIOATTIVI

  Sodium laureth sulfate (SLES)  e Sodium lauryl sulfate/SLS) : Sono utilizzati in  shampoo, bagnoschiumi, dentifrici, ecc . per produrre la  schiuma. Possono irritare la pelle e  produrre allergie. L’SLES è più pericoloso in quanto il processo chimico da cui deriva  produce diossano,  sostanza cancerogena difficile da eliminare totalmente dal prodotto  finale. 

  COLORANTI

  Si riconoscono dalla sigla C I (color index) seguita da un numero. Quelli di origine non  naturale possono causare allergie.  I soli di origine
  naturale sono i carotenoidi e quelli che  iniziano con il  7.

 
 PROFUMI

  E’ una vasta gamma di prodotti di cui si conosce poco, almeno fino a quando non scatta l’  allarme per la tossicità di qualche preparato.
  E ‘ accaduto per l’ambretta muschiata e altri composti muschiati.
  Soltanto per i prodotti certificati biologici i profumi sono oli essenziali.

 

  PARAFFINA

  Spesso nei cosmetici sono presenti  paraffina, vaselina, olio di silicone e altri grassi  derivanti dal petrolio, i quali lasciano una sensazione    gradevole sulla pelle, ma possono  occludere i pori. Alcuni di questi possono accumularsi nei reni, nel fegato e nelle ghiandole  linfatiche.

 

 Nei cosmetici naturali e biologici non sono presenti le sostanza tossiche e  dannose per la salute elencate sopra.

 

  Ecco alcune marche di cosmetici naturali e biologici :

  WELEDA, REMEDIA, MONTALTO,  SANTA VERDE, LAVERA, LOGONA, PLANTER’S  linea  eco-bio, BJOBJ.

Vai all'elenco degli articoli